Il Papa Nietzsche e la cioccolata

 18,90  17,96

Saggio di morale gastronomica

Autore: BALZARETTI Claudio
Isbn: 9788810104866


2 disponibili

  

Sorseggiare una tazza di cioccolata interrompe o no il digiuno, rigorosamente prescritto dalle leggi della Chiesa? La gustosissima, densa e sensuale sostanza proveniente dal Nuovo Mondo può considerarsi una vera bevanda? Verso la metà del 1600 e per oltre un secolo papi, insigni teologi e ambasciatori dei re dibattono aspramente la questione, impensabile prima della scoperta dell’America. I più rigoristi (tra cui domenicani e carmelitani), da un lato, giudicano inconciliabile coniugare digiuno e gola; i più permissivi (tra cui gesuiti e francescani), dall’altro, portano a difesa della propria posizione addirittura le estasi mistiche di Rosa da Lima, poiché un angelo sostiene le fatiche della santa porgendole esattamente una tazza di cioccolata. In opposizione al caffè, bevanda ritenuta in sintonia con l’etica protestante, espressione di ascesi, razionalismo e operosità della borghesia progressista, la cioccolata viene percepita dai contemporanei come prettamente cattolica e barocca, adatta all’ozio degli aristocratici dell’Ancien Régime. Il titolo del volume bene esprime le strade seguite dalla ricerca: l’interpretazione (Nietzsche) di un dibattito di teologia morale (il papa) su un episodio di storia dell’alimentazione (la cioccolata). Il tema è uno spunto per ragionare anche sul presente, su questioni che trovano la Chiesa un po’ distratta come i business legati a cosmesi, salutistica, body fitness e gourmandise. Ed è una sollecitazione ai teologi affinché non si lascino sfuggire le molte sfide, assai prossime al vissuto dei cristiani, che i ‘Nuovi Mondi’ di oggi pongono.

Peso 0.30 kg
Dimensioni

Rilegatura

Pagine

Luogo Pubblicazione

Anno

Lingua

AUTORE

BALZARETTI Claudio

COD: 4636 Categoria:
Updating…
  • Nessun prodotto nel carrello.